Italiano English

10 typical Sardinian dishes not to be missed

Share

La cucina sarda è ricca di piatti tipici che con il passar del tempo sono diventati famosi in tutto il mondo e ricercati, soprattutto, per il loro gusto unico e inconfondibile. Ecco alcuni piatti tipici della cucina sarda, che non potete assolutamente perdere quando verrete in vacanza in Sardegna:


Culurgiones

Sono una sorta di ravioli di pasta fresca dalla forma simile ad una spiga (spighitta) e lavorata a mano, tipica della zona dell’Ogliastra e successivamente dell’intera Sardegna. La sfoglia della pasta è di semola di grano duro ed il ripieno è composto da patate lessate e macinate, pecorino sardo fresco, stagionato o semi stagionato, aglio, olio d’oliva extravergine e foglie di menta.

Learn more

Immagine: lasfogliadoro.com

Porceddu o porcetto sardo

Rappresenta probabilmente l’icona della gastronomia sarda. Nonostante la preparazione di questa prelibatezza appaia piuttosto semplice, è importante sottolineare quanto questa ricetta richieda esperienza e pazienza. Il porcetto sardo è un maialino da latte, cioè allevato essenzialmente con un’alimentazione costituita dal latte materno con poche integrazioni. Il peso ideale oscilla tra i 4 kg (di circa 20 giorni) ed i 6 kg (di circa 40 giorni).

Scpri di più

Immagine: Angelo Pingerna

Pane Carasau

Di forma circolare o a mezzaluna, con una sfoglia sottile, è chiamato anche “pane ‘e fresa” e ha le sue origini in Barbagia; conosciuto in italiano come “carta da musica”, appellativo dato per la sua croccantezza. La preparazione artigianale avviene dalla mattina presto. Il termine, “cariare” indica la modalità di lavorazione, quando l’impasto viene lavorato energicamente sul tavolo. Dalla durata di questa fase dipende la varietà del pane; per il carasau è più lunga e spesso le donne, in passato, si facevano aiutare dagli uomini per la manipolazione della pasta.

Learn more

Pane carasau – Immagine tratta da sardegnaturismo.it

Pane frattau

“Frattau”, in sardo significa “grattugiato”, ”a pezzi”. La diffusione di questo piatto è dovuta ai famosi “pranzi con i pastori” e in origine diventò un modo di consumare gli avanzi del “pane carasau”. La sua preparazione è molto antica e sicuramente, in Sardegna, classificabile come piatto “povero” e per le persone meno abbienti. Questa prelibatezza si ottiene immergendo le sfoglie di pane carasau nel brodo caldo, per pochi secondi, sovrapponendole tra di loro e alternandole con uno strato di sugo di pomodoro e di formaggio pecorino grattugiato, ottenendo al massimo di 3/4 strati, per poi posizionarci al centro un uovo in camicia.

Learn more

Immagine: panefrattau.it

Malloreddus

Meglio conosciuti come gnocchetti sardi, sono un formato di pasta tradizionale della cucina sarda. Sono fatti di farina di semola di grano duro e acqua, hanno la forma di piccole conchiglie rigate di circa 2 cm. Il termine deriva dal campidanese “malloru” che vuol dire toro, quindi “malloreddus” sta per vitellini.

Learn more

Immagine: sardegnaturismo.it

Fregula

Detta anche freula, fregua, succu, cascà o pistitzone o fregola, a livello industriale, è un tipo di pasta sarda che si diffuse, secondo alcuni studiosi, nella nostra isola grazie agli scambi commerciali con Fenici e Punici, è simile al cuscus, ma più grossolana. Si presenta sotto forma di palline irregolari di diametro variabile fra i 2 e i 6 millimetri.

Learn more

Immagine: sharethepasta.org

Sardinian-style boiled sheep

Detta anche “in capotto”, è un tipico piatto della cucina tradizionale della Sardegna; un piatto semplice che ha le sue radici nella vita pastorale sarda. Si tratta di uno stufato a base di carne di pecora, appunto, che fa parte della tradizione gastronomica sarda. La preparazione è molto semplice, la ricetta talvolta varia a seconda delle località, ma gli ingredienti principali oltre alla pecora sono le patate e le cipolle.

Learn more

Immagine: Wikipedia

Panada

È una torta salata tonda di varie dimensioni, anche monoporzione, composta da un involucro di pasta sfoglia non molto sottile detta pasta violada, ottenuta impastando la farina con acqua salata e strutto di maiale e modellata formando una sorta di cestino. Può essere ripiena di pesce (anguille), oppure di carne di agnello o di maiale con piselli e patate. È una preparazione tipica della regione Sardegna, in particolare della zona di Assemini, in provincia di Cagliari e ne contende la paternità anche con il comune di Oschiri; in altre parti del mondo esistono versioni simili come “l’empanada” peruviana.

Learn more

Immagine: acagliari.it

Maccarrones de busa

Sono una pasta tipica della cucina sarda e in particolare del nuorese. Prende il nome dal ferro, la busa o ferrittu, ovvero il ferro da maglia, con il quale vengono preparati, rigorosamente a mano. Viene condita a piacere con sughi di carne, ai funghi o anche con pecorino e noci.

Learn more

Immagine: lacanas.it

Seadas

Conosciute anche con il nome di Sebadas o Sevadas rappresentano uno dei dolci più diffusi e conosciuti in Sardegna. Questo dolce fritto tondo, al singolare seada, va gustato ben caldo per meglio apprezzare il connubio tra il ripieno di formaggio fresco e il miele (possibilmente di corbezzolo). Come per tutti i piatti tipici sardi, anche la ricetta delle Seadas può variare a seconda delle zone dell’isola.

Learn more

Immagine: ilquaderninorosso.com

Share
0 0 voti
Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Do you want to join our portal?

Would you like to add your business listing on sardegnacountry.eu? Send us your request by clicking on the button below.

0
Mi piacerebbe conoscere il tuo parere, si prega di commentare.x