Italiano English

Le 8 spiagge più belle di Cagliari e dintorni

Condividi

Cagliari vanta uno dei mari più belli e puliti d’Italia che consentono di paragonarla ad alcune delle più conosciute località esotiche del mondo. In questo articolo vediamo quali sono le 8 spiagge più belle della città di Cagliari e dintorni, che assolutamente vale la pena scoprire.


Spiaggia del Poetto

La spiaggia del Poetto è fuori dubbio il “mare” dell’hinterland cagliaritano, una delle spiagge cittadine più importanti d’Europa, nonché più frequentate della Sardegna, meta preferita dei visitatori del capoluogo, in estate e in qualsiasi bella giornata di sole nel resto dell’anno: risulta una tappa obbligatoria anche soltanto per un caffè o un aperitivo, accompagnato dalla brezza marina.

Immagine di Roberta Carboni

Con i suoi 8 km di spiaggia, il Poetto si allunga dal promontorio della Sella del Diavolo sino al litorale di Quartu Sant’Elena. La sabbia del Poetto è finissima e bianca, anche se dopo il ripascimento del 2002 a causa dell’erosione delle dune di sabbia, ha perso il fascino di un tempo. Comunque non esiste cagliaritano che non ami questa spiaggia cittadina, frequentandola tutto l’anno.

Spiaggia di Cala Mosca

La spiaggia di Calamosca, distante soltanto quattro chilometri dal centro di Cagliari, si trova a ridosso del lunghissimo ed esteso litorale sabbioso del Poetto.
Si trova in una meravigliosa baia dominata e riparata da due maestosi promontori: a est Capo sant’Elia, sovrastato da un antico faro, a ovest il promontorio della Sella del Diavolo.

Immagine di Roberta Carboni

La sabbia di questa spiaggia è fine e giallastra, con ciottoli levigati, il mare limpido con tonalità tra verde smeraldo e azzurro è adatto ai bambini ed anche, agli amanti della pesca subacquea e immersioni.

Immagine di Roberta Carboni

Spiaggia di Mari Pintau

Il suo nome significa “mare dipinto” e una volta arrivati si comprende facilmente il perché: acque cristalline con colori che variano dal verde al turchese all’azzurro più intenso. Mari Pintau è una tra le spiagge più belle del litorale di Quartu Sant’Elena.

Spiaggia di Mari Pintau. Immagine di Roberta Carboni

L’arenile è formato da ciottoli colorati levigati dal mare che, in questa parte della costa, è quasi sempre calmo e riparato dai venti.

Spiaggia di Punta Molentis

Completamente immersa nel magnifico habitat dell’area marina protetta di Capo Carbonara, la spiaggia di Punta Molentis è una tra le più belle di Villasimius. Colpisce per la sua sabbia bianchissima dai riflessi d’argento che brillano nell’acqua cristallina. Il nome si deve agli asini – in lingua sarda ”is molentis” – utilizzato per l’attività estrattiva del granito, assai abbondante in questa zona.

Punta Molentis in realtà non si tratta di una sola spiaggia, ma di due spiagge: una caletta a nord costituita da rocce levigate di granito e una a sud con sabbia bianca finissima.

Immagine di Roberta Carboni

La spiaggia è a forma d’arco, circondata a nord da un piccolo promontorio, a est da un ammasso di rocce caviche. Il mare, splendido, ha tonalità che variano dal verde smeraldo, al turchese e all’azzurro. Il fondale è basso e sabbioso. Per la sua struttura, simile a un istmo, è sufficientemente riparata dai venti. 

Immagine di Roberta Carboni

Alle spalle, sopra una collina si trovano i resti di un nuraghe, conosciuto appunto di Punta Molentis.

Così come già accaduto in altre spiagge della Sardegna, a causa della notevole affluenza di turisti nel periodo estivo, per tutelare il territorio dall’estate 2021 Punta Molentis ha limitato gli accessi delle persone ad un massimo di 500 al giorno.

Spiaggia di Punta Molentis. Immagine di Roberta Carboni

Spiaggia di Tuerredda

La spiaggia di Tuerredda si allunga all’interno di un’insenatura fra Capo Malfatano e Capo Spartivento, nel territorio del Comune di Teulada, nell’estremità sud-occidentale dell’Isola. 
Grazie alla sua conformazione la spiaggia è riparata dal vento di maestrale e per questo il mare è quasi sempre calmo, perfetto per lunghe nuotate o per fare snorkeling. Il fondale è sabbioso e ricco di fauna marina.

Isolotto di Tuerredda. Immagine di Roberta Carboni

Proprio di fronte alla spiaggia si trova l’omonimo isolotto, facilmente raggiungibile a nuoto in pochi minuti ed è una perla anche per la sua vegetazione. E’ anche il paradiso per chi pratica snorkeling, grazie alla limpidezza e alla pulizia delle sue acque. I colori del mare variano dal blu dei fondali al celeste e verde più trasparente, fino ad arrivare al bianco della sabbia, molto soffice a riva.

Spiaggia di Tuerredda. Immagine di Roberta Carboni

Nei mesi di luglio e d’agosto la spiaggia di Tuerredda è molto affollata, mentre è più vivibile a giugno e settembre.

Affaccio panoramico dalla Sella del Diavolo. Immagine di Roberta Carboni

Spiaggia di Su Giudeu

Affacciata sulla baia di Chia, questa spiaggia gode di un litorale di sabbia bianca lunghissimo, un mare da sogno e dune molto alte sulle quali si arrampicano ginepri secolari. Deve il suo nome all’isolotto di Su Giudeu, posizionato a soli 150 metri dalla riva. 

Spiaggia di Su Giudeu. Immagine di Roberta Carboni

Spiaggia di Cala Pira

La deliziosa spiaggia di Cala Pira si trova a metà strada, circa, tra Villasimius Costa Rei, nel territorio del Comune di Castiadas. La sua battigia costituita da sabbia mista a minuscoli frammenti corallini, si accende di sfumature rosa illuminata dai riflessi del sole.

Spiaggia di Cala Pira con la sua torre. Immagine di Roberta Carboni

Alle estremità della spiaggia, due scogliere granitiche proteggono il candido arenile e lo inebriano di profumi mediterranei. A nord nel piccolo promontorio, detto “roccia del Cappuccino”, è arroccata una torre d’avvistamento risalente all’epoca spagnola.

Spiaggia di Porto Giunco

La spiaggia di Porto Giunco è, insieme a Punta Molentis, una delle perle più preziose della costa sud-orientale della Sardegna.

Il lunghissimo litorale di sabbia chiara, è diviso da un’esigua lingua di terra dallo stagno di Notteri, nel quale è facile vedere i fenicotteri rosa, che lo hanno scelto, ormai da tempo, come loro habitat.

Spiaggia di Porto Giunco. Immagine di Roberta Carboni

Un tempo era rigoglioso di canneti di giunco, da cui il nome della spiaggia, conosciuta anche “dei due mari”, perché è una lingua sabbiosa stretta tra due specchi d’acqua.

Insomma, se stai pianificando una vacanza nel Sud Sardegna, non hai che da scegliere!

Vuoi visitare Cagliari e i dintorni? Partecipa ai tour guidati di Roberta Carboni!

Foto in copertina: sardegnaturismo.it.


Roberta Carboni è una Guida turistica, da oltre 10 anni e Storica dell’arte, vive a Cagliari ed appassionata di Sardegna, che ama così tanto, da tutta la vita, ed è proprio per questo che ha scelto di raccontarla, attraverso tour tematici esclusivi. In questo modo, contribuisce a far conoscere l’isola non soltanto per chi ancora non la conosce, ma anche per gli stessi sardi. I tour si svolgono sia all’interno di Cagliari, quindi nel centro storico e in altre parti della città, che nei dintorni della stessa, spingendosi anche nel sud e centro della Sardegna.

Conosci meglio Roberta Carboni – Guida turistica a Cagliari e partecipa anche tu ai suoi Tour tematici…

SCOPRI DI PIU’
Condividi
0 0 voti
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Vuoi entrare a far parte del nostro portale?

Vuoi aggiungere la scheda della tua attività in sardegnacountry.eu? Mandaci la tua richiesta, cliccando sul pulsante sottostante.

0
Mi piacerebbe conoscere il tuo parere, si prega di commentare.x